yoghurt nazista muller

Dal blog di Beppe Grillo, molto interessante, purtroppo: ricevo e, parendomi
interessante, rigiro.

Il SIGNOR MULLER. (latte, yogurt) Il Sig. Müller viene da Aretsried che sta in
Baviera, quindi giù nel Sud. ll Sig. Müller è un imprenditore, e ciò che viene
prodotto nelle sue fabbriche sicuramente l’avete già visto nei supermercati e
in pubblicità. Il Sig. Müller infatti produce tante cose che sono fatte di
latte. Insomma, veramente sono le mucche che fanno il latte, ma il Sig. Müller
lo impacchetta bene e fa in modo che arrivi nel supermercato dove voi, dopo, lo
potete comprare. Siccome il Sig. Müller è un imprenditore, ha pensato di
intraprendere qualcosa e ha costruito una fabbrica. Più precisamente, la
costruisce nella Sassonia, nell’Est. In fondo, a nessuno serve una nuova
fabbrica di latte perchè ce ne sono già troppe che già producono troppi
latticini. Ma il Sig. Müller l’ha costruita lo stesso. E siccome nella
Sassonia la gente è povera e non trova lavoro, lo stato da soldi a chi
costruisce nuove fabbriche. Infatti, di posti di lavoro, a
differenza del latte, non ce ne sono mai abbastanza. La regione Sassonia e
l’Unione Europea da Bruxelles gli hanno mandato un assegno di 70 milioni di
Euro,sette zeri, quindi tantissimi soldi. Il Sig. Müller, dunque, ha costruito
la sua nuova fabbrica ed ha assunto 158 persone. Evviva il Signor Müller!
Quando la fabbrica del Sig. Müller poi ha prodotto tanti latticini, lui si è
accorto che non riusciva a venderli tutti, poichè ci sono già troppe fabbriche
di latticini: insomma, in fondo lo sapeva già prima, ed anche i signori della
regione Sassonia e dell’Unione Europea già lo sapevano, anche perchè veramente
non è un segreto e i soldi glieli hanno dati lo stesso, non i loro soldi, i
vostri. Sembra strano, ma è così. Allora, cosa ha fatto il Sig. Müller? Su in
Bassa Sassonia, abbastanza lontano nel nord, il Sig. Müller aveva un’altra
fabbrica che stava lì da 85 anni. Siccome ora c’era la bella fabbrica nuova in
Sassonia, lui non aveva più bisogno di
quella vecchia in Bassa Sassonia, l’ha chiusa e 175 persone hanno perso il
lavoro. Se siete stati attenti avrete già notato che Müller ha eliminato 17
posti di lavoro in più di quanti ne avesse creato. Per fare questo, ha PRESO
70 milioni di Euro. Se dividete per 17 i 70 milioni saprete che il Sig. Müller
per ogni posto di lavoro eliminato ha preso più di 4 milioni di Euro.
Dovete sapere che è il sig. Muller è anche un “bravo” risparmiatore e
sicuramente conoscete i suoi contenitori del latte. Prima ci entravano 500 ml,
cioè mezzo litro di latte. Da un pò di tempo, comunque, il Sig. Müller il suo
latte lo vende in belle bottiglie, non più in confezioni di carta. Le
bottiglie sono pratiche perchè si fanno richiudere e sono belline. Comunque,
dentro ora ci sono soltanto 400 ml ma costano lo stesso. Così risparmia il Sig.
Müller – e risparmiare è una virtù, lo sappiamo tutti. Se ora volete sapere
perchè gente come Müller non viene appesa all’albero più
vicino, allora vi devo dire che queste cose semplicemente non si fanno. La
prossima volta, però, che siete al supermercato, lasciate semplicemente nello
scaffale le cose del Sig. Müller e comprate altre marche. Sono ugualmente
buone e spesso costano anche di meno, e FORSE (?) sono prodotte da un
imprenditore che nel termine “responsabilità sociale” vede ancora un senso. Ora
mi viene in mente che il Sig. Müller vuole anche risparmiare sulle tasse di
successione e ha deciso di trasferire la sua residenza in Austria. Sembrerebbe
che: Se anche voi siete dell’opinione che un comportamento così da sfruttatore
non sia bello, mandate questa mail in giro per l”Europa per dire a tutti dove
finiscono le loro tasse pagate faticosamente. Già, dimenticavo di dire a
tutti coloro che ancora non lo sanno: Müller appoggia la NPD partito
nazionaldemocratico della Germania, (cioè neonazista), in quanto a capo di
questo, ci sono suoi cari amici. Un altro motivo per
lasciare le sue cose negli scaffali!

yoghurt nazista mullerultima modifica: 2007-07-16T20:55:00+02:00da ros3957
Reposta per primo quest’articolo